Lo sapevi che...
Raccolta differenziata Tetrapak: come farla? Come si ricicla il Tetrapak?
Il Tetrapak è un brevetto svedese degli anni ’50 di un contenitore per alimenti in carta, alluminio e polietilene. Grazie ad una speciale tecnica di rivestimento plastico della carta è reso totalmente  impenetrabile all’aria.
Per questo motivo, è ideale quindi per conservare il latte, i succhi di frutta ed altri liquidi in generale.

I non più giovani ricorderanno con affetto il contenitore del latte in Tetrapak. La sua inconfondibile forma di piramide che vedete nella foto in alto vi dice nulla?
Raccolta differenziata Tetrapak: perché è possibile farla?
Chissà quante persone si saranno poste il dubbio però su come si ricicla correttamente il Tetrapak. Forse, non sapendo cosa fare, sono soliti gettarlo nella raccolta indifferenziata… E invece no, va effettuata la raccolta differenziata anche per questo prodotto.
Invece il Tetrapak è un materiale assolutamente riciclabile. Vediamo come mai:
  • nel processo di riciclo la carta viene avviata in cartiera. Da essa si ricava pasta di cellulosa con cui produrre “carta frutta” da cui si ricavano sacchetti, carta riciclata da imballo o cartoncino, ritornando quindi all’origine del processo produttivo.
  • il polietilene e l’alluminio vengono invece separati grazie a tecniche di riciclo avanzate. Più precisamente, vengono trasformati in un materiale plastico molto resistente chiamato ecoallene da cui si derivano moltissimi altri oggetti.
Fino a pochi anni fa i contenitori in Tetrapak venivano buttati nei rifiuti indifferenziati. Ora invece, in molti comuni come ad esempio Milano e Roma, è stato attivato un servizio di raccolta e smaltimento.
Dove farla?
Come scoprire se nel Comune in cui vivete è attiva la raccolta differenziata per i cartoni per alimenti in Tetrapak?
  • Potete andare sul sito Tiriciclo dove è possibile cercare sulla mappa il proprio Comune. Verificate la presenza del servizio e scaricare informazioni utili e brochure. Potete anche chiamare il numero verde 800 855811 e chiedere informazioni
Raccolta differenziata Tetrapak: come farla?
Una volta capito se il vostro comune è incluso, eccovi i 3 semplici passi da fare per riciclare correttamente il Tetrapak:
  1. il primo passo è prendere i contenitori in tetrapak lavarli bene sotto l’acqua, per sciacquarli ed eliminare bene eventuali tracce delle bevande o dei cibi che contenevano.
  2. occorre poi pressare ed appiattire bene i contenitori in tetrapak per ridurne il volume.
  3. il terzo passo è gettare il Tetrapak nel contenitore dove raccogliete la carta ed il cartone per la raccolta differenziata.

Ricorda sempre di pressare ed appiattire il contenitore in Tetrapak


Ovviamente il tappo in plastica si ricicla altrove. 

Inoltre, c’è un’applicazione per smartphone che consente di sapere in quale segmento della raccolta differenziata bisogna gettare i cartoni di latte, succhi  e altri alimenti in Tetra Pak. La app di chiama Junker ed è stata sviluppata dalla startup italiana Giunko. 

Vi starete chiedendo che cosa si possa ottenere dal Tetrapak una volta riciclato. La risposta è: tantissime cose! Anche della morbida carta igienica… Leggete qui sotto.


Raccolta differenziata Tetrapak: anche una carta igienica!

Ogni contenitore viene scomposto nella porzione cellulosica (il 75% del suo peso), e in quella di alluminio/plastica.

L’operazione si realizza tramite un’azione fisico-meccanica, appositamente brevettata, che non prevede l’utilizzo di sostanze chimiche pericolose per l’ambiente.

Le due parti separate vengono conferite in due contenitori diversi. La cellulosa viene asciugata, nuovamente lavorata, diventa quindi una bobina che sottoposta ad altre lavorazioni diventa carta con diverse grammature, differenti strati di veli e lavorazioni. Un’ottima carta da cucina assorbente, i cui  scarti di lavorazione tornano invece utili per la produzione di penne, righelli, pennarelli e altri oggetti di cartoleria.

La parte rimanente del materiale originario, l’alluminio e il polietilene, finisce invece nella mescola che ricopre i pali per gli ormeggi di Venezia.

Rompi - Latte

Rompicapo sul latte

1. ANAGRAMMIAMO

Sostituendo l’ordine delle lettere all’interno delle singole parole, otterrai due frasi di senso compiuto sul tema del latte.
a. LI TETAL AF NEEB A ITUTT
b. IL ELTTA, NEATT IPNTEEOR, AANTT AEGENIR

a. ______________________________________

b. ______________________________________

2. INTRECCIO DI PAROLE

Inserisci nello schema sottostante le parole relative alle definizioni in elenco

Definizioni orizzontali:

4 Il principale componente del latte
5 La vitamina A fa bene alla…
7 Derivati del latte
9 La prima fonte di nutrimento dell’uomo
11 Microrganismi presenti nel latte
12 Termine che indica le fasi di produzione del latte
15 In essi si sciolgono le vitamine liposolubili
16 Una proprietà del latte
17 Una buona bevanda ottenuta dal latte
18 Cibo delle mucche in inverno

Definizioni verticali:

1 Fonte di latte
2 Lo zucchero di latte
3 Operazione con la quale si ricava il latte delle mucche
6 Un latticino
8 Sono i mattoni delle proteine
10 Lo è il latte a cui è stata tolta la componente grasso
13 Un importante minerale presente nel latte
14 Ne giovano se bevi il latte

Dire, Fare, Gustare, il Latte e i suoi derivati Ognuno di noi costruisce il proprio corpo con quello che introduce quotidianamente con l’alimentazione.
È durante l’infanzia che si “costituiscono le basi” per la futura esistenza; imparare, sin da piccoli, ad alimentarsi in modo corretto è di fondamentale importanza per diventare adulti sani.
In tutto questo il latte e i suoi derivati svolgono un ruolo estremamente importante. Nel latte sono state individuate ben 200 sostanze utili alla crescita e al benessere dell’uomo, inoltre tra i vari alimenti, è quello che più di tutti vanta la definizione di alimento completo in quanto contiene una quantità significativa di tutti i principi nutritivi: proteine, carboidrati, grassi, sali minerali e vitamine. Tutto ciò fa capire quanto il latte e i suoi derivati siano importanti nella vita di un individuo; non a caso questi alimenti dovrebbero essere sempre presenti nell’alimentazione quotidiana.

Come usare il latte e i suoi derivati

Il latte può essere considerato l’alimento nutritivo per eccellenza, completo e ad alto valore biologico può essere utilizzato in differenti modi: come alimento, come dissetante o anche come ingrediente.
  • Il latte come alimento: è completo e ricco di calcio e proteine. Sia il latte che i suoi derivati possono essere consumati come elementi principali dei pasti: per colazione, pranzo, merenda o cena.
  • Il latte come dissetante: da bere dopo l’attività fisica, il frappé o il frullato possono essere gustose bevande dissetanti e salutari.
  • Il latte come ingrediente: il latte è essenziale per preparare la maggior parte di dolci e dessert. La panna da cucina è utile per insaporire la pasta, mentre quella dolce per decorare i dolci. La besciamella è tra i condimenti più utilizzati per la preparazione di piatti tradizionali italiani.
La linea nutrizionale dei prodotti Bonizzi, latte panna e besciamella, ti garantiscono una riserva quotidiana in cucina per non farti mai mancare i nutrienti del latte ad ogni pasto.

Conosci il Latte? Mettiti alla prova...

Completa le frasi scrivendo al posto giusto le seguenti parole: ENERGIA, PROTEINE, CRESCERE, IRROBUSTIRE, DIFENDERCI, DERIVATI


  1. Il latte è un alimento completo perchè contiene: 
    • Vitamine e Sali Minerali
    • Zuccheri
    • Grassi
    • ___________________

  2. I grassi e gli zuccheri ci danno __________________

  3. Le proteine servono per farci ___________________

  4. Le vitamine ci aiutano a _____________________ dalle malattie

  5. I sali minerali (tra cui il calcio) servono a _______________________ le ossa e far crescere denti sani

  6. La panna e la besciamella sono ________________________








Soluzioni: 1. Proteine; 2. Energia; 3. Crescere; 4. Difenderci; 5. Irrobustire; 6. Derivati;
È meglio non scaldare troppo il latte Quanti di noi non hanno mai fatto bollire il latte facendolo traboccare sui fornelli?
Spesso, quando al mattino, ancora assonnati, ci si dimentica il pentolino del latte sul fornello. 
Perché il latte non bolle “normalmente” come fa l’acqua? 
Il motivo è dovuto alla complessa composizione del latte, che durante il riscaldamento comincia lentamente a trasformarsi. 
I globuli di grasso che sono al suo interno aumentano la loro velocità e si riuniscono formando grosse particelle che affiorano velocemente verso la superficie. 
A 80 °C, (a causa dell'evaporazione dell’acqua superficiale), la caseina tende a coagulare formando una sottile pellicola di proteine che per un po’ trattiene la spinta dei globuli di grasso sottostanti. 
Intorno ai 90 °C la spinta del vapore acqueo che si forma sul fondo del pentolino diventa travolgente e molto rapidamente lo strato di grasso rompe la fragile pellicina superficiale di caseina. 
Ed il risultato è che il latte si riversa inesorabilmente sul fornello.
Mezzo litro di latte parzialmente scremato contiene 600 mg di calcio Pensa che per ottenere lo stesso quantitativo di calcio bisognerebbe magiare i seguenti alimenti:
3,5 kg di pasta
1,3 kg di lattuga
150 g di mozzarella
23 uova
5,5 kg di carne
Prova a controllare il tuo fabbisogno giornaliero di calcio con la seguente tabella:
fino a 1 anno 350-500 mg/giorno
da 1 a 9 anni 800-1000 mg/giorno
da 10 a 17 anni 1200 mg/giorno
dopo i 25 anni 800-1000 mg/giorno
dopo i 60 anni 1000 mg/giorno
gravidanza e allattamento 1200-1400 mg/giorno
Il latte ha una grande concentrazione di calcio e fosforo Il calcio agisce anche sul sistema nervoso; introdurre poco calcio con l'alimentazione sembra possa portare a fenomeni di insonnia.
Ricorda infatti che al latte sono state attribuite proprietà calmanti e rilassanti; bere un bel bicchiere di latte caldo prima di coricarsi alla sera favorisce un buon riposo, inducendo un senso di benessere generale nell'organisno.
Nutre ma non ingrassa Il latte è efficace nei regimi dimagranti,perchè assicura il giusto apporto di proteine,vitamine e sali dando un immediato senso di sazietà.Inoltre fornisce un moderato apporto di calorie (60 ogni 100gr. di quello intero, 46 di quello parzialmente scremato, 35 di quello totalmente scremato).Quindi non ingrassa.I grassi contenuti nel latte,sono acidi grassi a corta catena perciò facilmente digeribili anche grazie al fatto che la temperatura a cui fondono è circa la stessa del corpo umano,ovvero 30°C. La gran parte è costituita da trigliceridi,con aggiunta di fosfolipidi importanti per la nutrizione delle cellule cerebrali e di quelle nervose che presiedono la memoria.